PUPPY CLASS ” Christmas Edition” 18 Dicembre 2016 dalle 10 alle 12!

fullsizerender-2

Un incontro adatto ai cuccioli di tutte le razze di età compresa fra i 2 e gli 8 mesi (verranno suddivisi in gruppi in base alla taglia e l’età dei cuccioli se necessario) socializzare nella maniera corretta ed imparare le regole di base della comunicazione fra cani e con gli umani. Scopriremo insieme ai proprieari come affrontare varie situazioni di crescita del cucciolo, effetueremo un percorso divertente scoprendo nuove esperienze attraverso cose e persone adulte e bambini, la gestione delle risorse come il cibo e il gioco, regole di educazione di base (seduto, terra, resta, calma e autocontrollo), gestione e controllo del morso, discriminazione tattile, e tanto tanto divertimento! In questa edizione della classe dei cuccioli parleremo della regolamentazione e della legislatura legata ai nostri amici a 4 zampe, all’interno delle nostre città, condomini, palazzi, nei luoghi pubblici, per strada e genericamente in aree urbane o luoghi di aggregazione.

Annunci

“Bau before Christmas” GRANDE FESTA DI NATALE aperta a tutti dalle 10 alle 17 presso il nostro centro cinofilo ASD EDUCAMICANE in via dei castani 15 ad Albano Laziale…TI ASPETTIAMO

invito-natale-facebook-2016

…www.educamicane.com …are coming soon…WE LOVE DISCDOG!

...Ma intanto ci divertiamo con lo spettacolo e il divertimento dei discdoggers…i protagonisti di questa splendida disciplina…

COME ON GUYS…GROWING  UP WITH DISC DOG!!!

logo educamicane 1

E’ tempo di crescere…Stiamo diventando GRANDI!

 …Al compimento dell’anno di vita è tempo di bilanci.

Abbiamo visto crescere il nostro blog, ci sono state tante e tante persone che hanno condiviso i nostri approfondimenti…le nostre foto, i nostri video, le nostre attività.

Come tutte le migliori iniziative di approfondimento su web che vogliono fare cultura cinofila, seriamente, ma prendendosi poco sul serio, anche noi abbiamo effettuato da qualche settimana un restyling del logo, lavorando parallelamente sulla nuova versione del blog, con una pagina facebook e un profilo twitter collegati.

WWW.EDUCAMICANE.COM

Sarà una versione 2.0 che avrà una veste grafica nuova e più accattivante e che al suo interno ospiterà spazi di approfondimento maggiore sulle normative per quanto riguarda la tutela degli animali, la vita nelle città, gli spazi di vita insieme con i nostri migliori amici. Avremo più spazio per le foto dei nostri pelosi, con delle sezioni specifiche per poter avere informazioni e immagini di animali in adozione, e poter donare una nuova vita a chi è stato più sfortunato.

Avremo la sezione dedicata agli allevamenti di razze canine, seri e professionali, che abbiano una etica e una dedizione particolare nel fare il proprio lavoro, che sappiano trovare il giusto equilibrio fra estetica e comportamento, senza snaturare le specifiche della razza e senza esasperare la vendita a discapito della crescita,  il tutto a fini economici!

Avremo degli spazi per i nostri partner per potervi proporre delle alternative e guidarvi agli acquisti consapevoli e utili. Oltre a questo avremo delle pagine dove chi usufruirà del servizio di pensione casalinga o dog sitting che offriremo, potrà restare in contatto con il proprio cane tramite video, foto, etc. etc….inoltre avremo descrizioni maggiori delle attività di educazione cinofila, sport cinofili, veterinaria…insomma…ancora qualche giorno di pazienza ed avremo un nuovo vestito…quello della FESTA, per dire GRAZIE A TUTTI per la fiducia e l’entusiasmo che ci avete dimostrato…

 

logo educamicane 1

The wolf experience

Gudrun Pflueger believes that a buried instinct to handle predators saved her in a wilderness meadow

Gudrun Pflueger sat alone in a meadow near the coast of the British Columbia rainforest, her knees bent in front, holding binoculars, scanning the fringes of the forest for coast wolves she hoped to glimpse. For several weeks, Pflueger and the scientist for whom she was working had been seeking signs of these predators that are so hard to spot in the coastal rainforest that researchers can only estimate their numbers. Pflueger, a former world champion trail runner and cross-country skier, had spent weeks on the wolves’ likely trails, eager to watch them on the move or at least to capture them on film.

Suddenly, her wish was granted so completely that she was in danger. Out of the forest, a small pack of wolves came trotting straight to Pflueger, circling her. She had no time to think. She already knew that at this time of year they were hungry because the nearby Salmon River had no fish at that time of year. She believes that she smelled the animals. They definitely smelled her. They were curious. We can say this now calmly. But they were wolves. In coastal British Columbia, the bush is so thickly vegetated and no towns or settlements interrupt it, that it was possible that they hadn’t ever seen a human being. Pflueger sat very still and then, as they sniffed at her, lay down in the grass. At first, they looked and sniffed at her—her blond head, red sweater, leather vest, and black pants, her black pack. Then they ignored her. The wolves began to frolic around in the grass, two adults and a baby circling around Pflueger, who lay motionless in the soft, tall grass. Eventually and very slowly, she sat up and just watched them. They ran about for a long time before they ran off into the woods, clearly unconcerned about her.

Pflueger said that when she thought about her behavior and the wolves later, she felt that she had unconsciously drawn on an instinct that humans hardly ever call upon, but which she thinks lies buried somewhere in our natures. That is, an instinct to coexist with big potential predators. Wolves don’t attack humans by design, but if they happen to run into one who threatened them in any way, stories show, they could easily kill us.

But with Pflueger, these wolves seemed to sense something unthreatening in her attitude, something that you can’t fake. They knew that she was not afraid and, therefore, that she was not going to hurt them. And that she was nothing to worry about. It wasn’t that she was chummy with wolves. It was that she showed a quiet reverence or respect.

“I think all our senses are really fine-tuned to the thousands of years of coexistence with potential big predators,” Pflueger told me during a long phone talk many months later. “For the last generation, we didn’t need to use that anymore. That’s why it was just an intensive, amazing, just beautiful, beautiful feeling. You feel so alive in this moment because all of your senses—which could sleep for generations, had no more use—and they had to, really. . . . ” She paused. “I smelled the wolf, I heard her, I felt her, a moist floor that was vibrating. I just wanted to let them know that there was no reason for fear from their side. I think how you approach someone, animals included, it will come back.”

There are many of us, probably most of humanity today, who, when faced with a small pack of wolves coming up to sniff them, would not feel concern for the wild animals’ feelings, as Pflueger did. Most people would not, when pushed into this situation, have thought to lie down passively, and then they would not have had a scrap of courage left to sit back up, secure in the knowledge that the wolves were unconcerned and were running circles around us just for fun. How did Gudrun Pflueger come to this moment in her life and find that these survival instincts, however long buried for the general population, lay near the surface of her reactions? The answer to this has to do with her comfort in the wild. This state of being began in the Alps, where she lived for the first 28 years of life.

Pflueger grew up playing in the mountains that were near her back door in the tiny town of Radstadt, about 80 kilometers south of Salzburg. Her father was an engineer who had built tunnels in a long highway constructed through the Alps. He also had grown up in that town, and he and his wife built a new house at the edge of it, backing up to a forest. Pflueger’s early years were marked by hours spent playing in the mountains with her brother, sister, and friends.

By the time she was 18, she wanted to study agriculture and would likely have gravitated to a big university in Vienna, but she stayed in the Alps to attend the University of Salzburg, for a big reason: she was a professional athlete. For the next ten years, she alternated her schooling with racing and training in cross-country skiing and mountain running. Even though by her interest she might have preferred studying in Vienna, she was by 18 skiing professionally for the Austrian national team. She didn’t want to leave the Alps.

In Vienna, “they don’t have snow,” she said. “I’m not a city person, anyway.” Her aversion to city life became more than a preference. She now says, “The city jungle scares me more than the real jungle. People ask me that often: ‘Aren’t you afraid by yourself?’ and I say, ‘No, this is what I am familiar with. And I think that’s what it all comes down to. What you are familiar with, you won’t fear. On all different levels and paths of life.”

Pflueger’s recipe for feeling more at home in a dense forest than in a city is to take small steps, getting used to it from the beginning of your life. That is the life she led, starting from a very young age, exploring the woods and mountain paths near her neighborhood, learning how to navigate those routes until “it becomes such a part of you.”

She used to stay in shape for cross-country skiing by mountain running in the summer. Then she became a champion mountain runner. “I would start in the valley on the bottom of the mountain and really run up there. The finish is on the top of the mountain, on the summit—or down in the valley again; you have to run up or down. There are championships. It’s becoming more and more popular in America. I think it’s a very strange sport.”

She won the Mountain Running World Trophy in 1993, 1995, 1996, and 1997. In the winter, she was part of the Austrian National Cross-Country Ski Team, racing several World Cup races and taking part in two world championships in Canada and Sweden. When the limitations of the national team seemed too much, she became an independent racer, with sponsorship from Red Bull, the energy drink company. It took her nearly a decade to earn her university degree because of her intense athletic training. As satisfying as it all was, she reached a point where racing almost disheartened her. She realized that her life was revolving around racing, nerves, and recovering from races.

Studying Wolves

In college, Pflueger studied biology and then earned her master’s degree in botany, studying the effects of cross-country skis on farm fields. She wasn’t dealing with wildlife. But she wanted a dog, and then she joined an animal conservation group in Austria that allowed people to sponsor radio-collared wolves in Yellowstone National Park. She became interested in the controversy over bringing wolves back to places where they had been extirpated. Wolves hadn’t been in most areas of Europe since around 1850, and most people associated them with dangerous threats to civilization. She said that most Europeans think of Canada as a place where there is enough room for wolves and people, but then she started reading that wolves were being trapped and killed on the highways.

As she learned more about wolves, she developed the opinion that wolves, as the top predators in nature’s food webs, contribute to the health of the populations on which they prey. For instance, wolves kill the old, the weak, and the very young in the elk populations. “In Yellowstone, when they extirpated the wolves, suddenly the elk exploded,” she says. “They over-browsed the aspen, the beaver went away. Lots of songbirds went away.”
Wolves can’t be replaced by hunters, she says, because hunters will kill the strongest out of the herd, while wolves would choose the sickest and weakest. “The wolves keep the herd fast, strong, and healthy.”

As her career in athletics wound down, and her interest in wolves intensified, Pflueger found herself honing an attitude about racing that she later realized was very similar to the attitude wolves must have, as they live their lives on the move. In her last years as a competitive skier, she had skied 90-kilometer races and won the World Cup for that distance one year. She had learned to be determined and persistent.
“If you see their tracks and you don’t see the animal, you think they know what they want,” she says. “They write their story—their life, or their attitudes—in the snow.”

She told the animal conservation organization that she had time. They assigned her to a volunteer project following wolf tracks. She lived in a little cabin in Kootenay National Park in British Columbia, in the Canadian Rockies. This was 70 to 80 kilometers from a grocery store. Working in tandem with another wolf tracker, Pflueger began her solo hikes looking for wolf tracks in the winter. She quickly saw that wolves travel up to 80 kilometers in one day. She didn’t go that far herself: she used a car to go from end to end.

It was exhausting, but she realized that she wanted to continue this sort of work. After her career as a performance athlete, she was excited about dedicating herself to a greater good other than just winning a race. This was 2001.

Soon she met a wolf biologist named Chris Darimont. He had started a lengthy project on the Pacific coast of British Columbia in the temperate rainforest. Pflueger became his assistant. The landscape near Bela Bela was exotic to her, so much more lush than Austria, and a place where little snow falls. Her job for Darimont was to go alone into the bush and look for wolves. She had to learn to avoid encounters with bears and other animals. “We were in radio contact,” she says. “You have to deal with the consequences of your actions. That’s what the European way is.

“Slowly, you learn to push limits. It’s not because I know I have to deal with my own consequences that I don’t take any steps or risks—not at all. It’s the other way around. I know when I step on this totally rotten log it will break through and I will fall. It’s no one else’s fault. Every step. You know that if you are not totally tuned in to the sounds and your environment and the smell, you will run into a bear. And you don’t want that.”

On the coast, she camped with others, but later, in the Canadian Rockies, she camped alone in wolf country while guarding a huge cattle herd. In Alberta, some ranchers had problems with wolves, and researchers were trying to show them that there were other ways to scare wolves away from the herd than shooting them. She would sit up at night waiting for a pack of wolves that came after the cattle. She would fire off “bear bangers” or toot the horn on her all-terrain vehicle—anything to make unpredictable noise. Finally, the thin light of the dawn would show her the herd. “I’d hear the first bird songs. I’d say, one more night done.”

Her real fear, she said, was the cougars and bears coming after her as she slept in her sleeping bag. And yet, there was a kind of fear that bothered her more than dealing with wild animals. That was the fear she’d dealt with the night before a big ski or running race. And that kind of fear was specific only to the pressure to win.

“I found it more stressful to have a race the next day and you don’t know about the outcome and you’ve invested so much. That is also a kind of fear,” she said. Less concrete, perhaps, than the time a black bear followed her for ten minutes in the Canadian rainforest. “There, I really was afraid. You have to deal with it: ‘OK, this is not a good situation. Now I want to be in Toronto.’” She radioed to the team she worked with that she was trying to get away from a bear.

“I faced it. I looked at it and I retreated. I talked. I let it hear that my voice is going further and further away. It followed me. If they follow you and smell you they know who you are—not good. Then they are probably on a predatory trip. Then I started singing, loud and long and that was pretty effective.” When a bear follows someone who has already retreated, the most important act is to remain calm. “Let it know that you are not afraid.”

A few months after the scene in the meadow, Pflueger was diagnosed with a brain tumor. She has since undergone an operation and several treatments. Her last scan showed no cancer, and Pflueger has continued to be active, working for a backcountry lodge in British Columbia, where she leads ski and hiking tours.

“I had such aftereffects and side effects—headaches and numbness,” she said. “However, every day that’s good is an additional day. I focus on going forward. Sometimes it’s easy. Sometimes it’s very, very hard. Sometimes I feel it’s too big for me. I have amazing people around here and an amazing pack. You couldn’t do it by yourself.” That is the kind of knowledge a wolf might rely on.

Domenica news canine:…l’amore è vero!

Umbria. Il cane muore e il suo proprietario non regge al dolore

L’uomo, di 75 anni, è stato stroncato da un infarto mentre seppelliva l’amico fedele

Adottare è …la speranza di poter donare una vita nuova ad un cane abbandonato e di migliorare la nostra!

La reazione di un cane che sa di essere salvato

Continua sempre la nostra campagna di sensibilizzazione al problema dell’abbandono dei cani, all’adozione, ad una cultura più sensibile  e amorevole verso gli animali. Non abbandonate i vostri amici fedeli, loro non lo farebbero. Si all’adozione dal canile!

guardate con quanto amore questa cagnetta, Layla è stata salvata e come ha ringraziato i suoi soccorritori…il resto per fortuna è un lieto fine…ma quanto ha sofferto questa povera cagnetta?…perchè nessuno faceva nulla?…le cose come queste non sono lontane da casa nostra, sono sotto la nostra vita, sono la nostra paura…risvegliano in noi questa paura…la paura di amare e di essere amati.

Ecco a voi Layla e gli umani che hanno deciso di migliorare la propria esistenza dando alla piccola barboncina bianca una vita serena e felice. Bravi loro!

 

Un cane in pericolo reagisce in un modo inaspettato quando capisce che quelle persone sono lì per salvarlo

Quando Annie Hart del “Rescue From The Heart” ha ricevuto una chiamata urgente che faceva riferimento ad un barboncino randagio investito da una macchina nella zona sud di Los Angeles, ha subito chiamato Eldad Hagar di “Hope for Paws”. Insieme, si sono precipitati a cercare questo cagnolino sfortunato nella speranza non fosse troppo tardi. L’hanno trovata così, come vedete nella foto qui sotto. Sola, sporca e terrorizzata. Nessuno la degnava di uno sguardo.

Da un cane in quelle condizioni ci si possono aspettare tante reazioni differenti. In genere i cani feriti tendono ad essere più “aggressivi” in una sorta di estrema autodifesa nei confronti di un avvenimento esterno come, appunto, un estraneo che si avvicina. Annie si è avvicinata con calma e si è seduta vicino a lei.

Con un po’ di pazienza e tanto amore è riuscita ad infilare il collare a Layla, questo il nome dato al barboncino, e Layla lei ha fatto una cosa che… non voglio anticiparvi nulla se non: correte a prendere i fazzoletti!

Nasce il nuovo Dipartimento Sheepdog FISC!

Grande bella iniziativa che finalmente dota la FISC di un dipartimento vero e proprio da cui poter approfondire e diffondere questa splendida disciplina sportiva, intensa, difficile, molto stimolante. Intanto includiamo in questa sezione alcuni link utili, che poi svilupperemo nella sezione dedicata alle attività sportive viste da vicino, nella prossima nuova release del blog:

http://www.italiansheepdogassociation.org

www.sheepdogitalia.it/

http://www.deifieschi.it/Sheepdog.html

Siamo lieti di comunicarvi l’apertura del nuovo Dipartimento di Sheepdog FISC.
Questa disciplina si sta affermando anche in Italia come sport da effettuare con il proprio cane e nasce dalla necessità dell’uomo di gestire il bestiame.
Secondo la tradizione lo Sheepdog nasce come nei pub inglesi, dove i pastori scommettevano sulla vittoria del proprio cane e le gare consistevano nel far simulare all’animale il lavoro che svolgeva  nei campi con le pecore. E’ nella seconda metà dell’Ottocento che lo Sheepdog si diffonde nel Regno Unito e in Australia come disciplina sportiva a tutti gli effetti.
Sheepdog tradotto letteralmente significa “cane da pecore” e questa attività si basa sull’istinto naturale del cane da pastore.
Nello sheepdog il conduttore lavora insieme al proprio cane allo scopo di radunare, condurre al pascolo, rinchiudere in un recinto, separare greggi di pecore; cioè tutto quello che concerne il lavoro su bestiame. E’ molto interessante scoprire quanto delle attitudini naturali si sono conservate in questi cani; inoltre il rapporto che si crea nel binomio è una cosa unica e indescrivibile. I collie sono indubbiamente i veri e propri campioni di questa disciplina.

A breve sarà online il Regolamento del Dipartimento di Sheepdog FISC e il Campionato Nazionale FISC. Stay Tuned!

 

sheep-dog_2167318b

Il Referente Nazionale del settore Sheepdog FISC è:

LUCA FINI

Tel. 3391559343
mail. luca.fini.isda@gmail.com

 

fonte sportcinofili.it – autore Greta Arosio

Nuovo Dipartimento FISC: Treibball – prossimamente anche su EDUCAMICANE

 

 

E’ online il Regolamento del nuovo Dipartimento di Treibball.

Il Treibball è uno sport che rafforza le attitudini positive, studiato per giocare col vostro cane divertendovi.

In questa disciplina sono assolutamente vietati modi bruschi, rimproveri, punizioni, grida o intimidazioni nei confronti del vostro amico a quattro zampe. Lo scopo di questo sport è il miglioramento della comunicazione che rinsalda il legame tra cane e uomo. E’ aperto a tutti: sia ai cani di razza pura che a semplici meticci.

In questo gioco il cane deve lavorare senza guinzaglio e obbedire al conduttore (comandi verbali, fischi o segnali a mano), deve usare il suo naso o le sue spalle per dirigere i palloni (che consistono in otto unità) in una rete entro 10 minuti.

E’ possibile consultare il Regolamento a questo link.

Per ulteriori informazioni visita la pagina del Dipartimento o contatta la Responsabile Nazionale FISC del settore di Treibball:

 

TATHIANA BELTRAMI

Tel. 3382938193
Mail. info@blackdogs.it

 

Fonte: sportcinofili.it – Autore Greta Arosio

Lola, finita nel fiume la fuga dai botti di Capodanno

Un’altra brutta storia, finita peggio. Non smetteremo mai di denunciare i danni provocati dai botti di capodanno…non smetteremo mai di mettere a nudo la stupidità umana…MAI!

lola1-ky7E-U46000832559040rED-1224x916@CorriereFiorentino-Web-Firenze-593x443

FIRENZE – La ricerca di Lola purtroppo è finita sul torrente Isone all’Antella. La cagnetta, un meticcio di pastore tedesco, era sparita a Capodanno. I petardi, i fuochi d’artificio, scoppi e botti l’avevano terrorizzata. Era fuggita dal giardino della sua casa al Bigallo, più lontano possibile.

La fuga finita male

Una fuga la sua nella notte purtroppo finita nel peggiore dei modi e la sua famiglia non si dà pace per non essere riuscita a trattenerla a casa. A differenza di altri cani, ugualmente spaventati a morte, ugualmente fuggiti e impazziti dalla paura, ma che il primo gennaio scorso sono stati recuperati dai veterinari del servizio di igiene urbana dell’Azienda sanitaria di Firenze, di Lola non c’era traccia in giro. I suoi padroni hanno tappezzato la zona di volantini, sono arrivati fino a Reggello, e raccontano di aver scoperto una galassia di persone che amano gli animali. C’è stata la postina che si è offerta di distribuire le locandine, autisti degli scuolabus che hanno contribuito alla diffusione delle informazioni: «È docile e buona sia coi cani che con le persone. C’è un’intera famiglia che l’aspetta a casa», era scritto negli annunci diffusi anche via internet. Non è servito fare il giro dei canili e avvisare anche i guardiacaccia.

Il corpo nel torrente

Il suo corpo è stato ritrovato sabato sotto un ponte sul torrente Isone all’Antella. Chi l’ha visto ha chiamato la polizia municipale e i vigili del fuoco e il veterinario è risalito alla famiglia di Lola tramite il microchip. «Era un cane grosso, non sarebbe scivolato in un torrente con l’acqua così bassa. Non aveva fratture — dicono però i suoi padroni — Può essere stata la paura a generare un malore».

Puppy Class special edition “carnevale a norma” del 18 gennaio 2015

Ecco a voi le foto della Puppy Class che si è svolta domenica 18 gennaio al centro cinofilo “il cane a norma”, dove abbiamo fatto giocare, imparare e divertire i cuccioletti che vedete in foto.

E’ stata una classe di apprendimento molto bella e i complimenti vanno a tutti i proprietari presenti che hanno seguito con pazienza  e dedizione tutte le indicazioni di Ylenia.

Si è iniziato con l’attenzione del cucciolo sui proprietari, per poi passare al mantenimento della attenzione con le distrazioni del passaggio degli altri cuccioli. Poi si sono eseguiti gli incroci e i passaggi alternati con scambio di posizione dei vari cuccioli, mantenendo sempre l’attenzione sul proprietario. Abbiamo successivamente eseguito,  con ogni cane,  l’apprendimento e la conoscenza di strumenti di gioco quali la palla e la treccia, usando anche i palloni più grandi (simili a quelli della specialità chiamata Treibball) abituando il cucciolo a non aver paura di forme grandi e strane che abitualmente non vedono tutti i giorni, acquisendo quindi esperienze nuove da mettere nella loro cassetta degli attrezzi della crescita.

Visto poi che era una edizione “carnevale a norma” sono stati fatti incontri con i ragazzi del corso educatori vestiti con maschere e mantelline varie, per far socializzare il cucciolo con gli estranei, renderli tranquilli e sicuri, divertiti ed in uno stato di serenità, passando una esperienza positiva anche quando si avvicinano “loschi” figuri ai proprietari, con maschere da fantasma, stelle filanti, cotillon vari che facevano dei suoni molto rumorosi e sgarbati.

Successivamente la socializzazione ha avuto anche un momento molto divertente, descritto nei video, in cui con trombette e e tromboni vari i piccoli quadrupedi si avvicinavano ad un gruppo musicale sgangherato e chiassoso, con maschere e palloni volanti di tutti i tipi.

Per finire il clou della socializzazione rappresentato dall’incontro libero, dal gioco libero fra i cuccioli  dove si sono potuti ammirare dei cani equilibratim, felici, divertenti e soprattutto sensibili al richiamo e all’autocontrollo quando venivano chiamati in causa, nonostante la grande eccitazione del gioco libero e sfrenato con altri cani e cuccioli.

BELLISSIMA ESPERIENZA per questi cuccioli che si candidano a percorrere un cammino di vita divertente e felice con i proprietari, in una relazione equilibrata per una crescita sana e curiosa. BRAVI TUTTI E GRAZIE A: AKI (maremmano), ACHI (malinois), FLENDER (dogue de bordeaux), DEREK (meticcio bianco), ELLA (Labrador), ZARIT (Border Collie), Kaiser (Golden Retriever)

Un ringraziamento a Paola Amicucci per le foto/video!

 

+cacche di cane (raccolte) -facce di merda

Interessante articolo che ci mette davanti di nuovo un problema che sembra essere insormontabile, a quanto pare, per l’Italia…e per gli italiani soprattutto. La CACCA dei cani. Il nostro motto, riportato nel titolo, che ha creato una vera e propria rubrica nel nostro blog, recita +cacche di cane -facce di merda.
Ed è proprio da qui che dobbiamo partire per capire il perchè di tanta incivile ignoranza che permea la vita degli italiani. L’articolo che segue riporta un fatto che in Italia non sarebbe accaduto se non in una percentuale talmente piccola da non risultare neanche rilevabile dagli strumenti.
Raccogliere cacche di cane è un segno di civiltà, è un segno di rispetto per il posto in cui vivi, per l’animale che stai scarrozzando nel parco o per le strade, è un atto d’amore per la cosa pubblica, per il decoro, per rendere più pulito da escrementi il tuo quartiere, perchè queste cacche potrebbero portare malattie ad altri, cani, gatti, bambini. Ma una cosa è certa, l’educazione cinofila, il rispetto per gli altri, per il prossimo (cattolicamente e paganamente inteso) è un atto che facciamo per il nostro cane, per il nostro amico fedele.
Purtroppo non tutti amano gli animali, e non tutti amano i cani. Se tu non raccogli la cacca del tuo peloso, non è colpa del peloso che fa la cacca…ma tua! INCIVILE E BASTARDO BIPEDE! Non andiamo poi a ricercare in giro comprensione e civiltà quando siamo noi a non occuparci dei “bisogni” del nostro cane!
Ovviamente le istituzioni poi, non sono da meno e riflettono per filo e per segno la nostra società, il nostro grado di civiltà e rispetto. C’è quindi carenza massima di spazi come le aree cani, di strumenti adeguati di raccolta delle deiezioni, di campagne di sensibilizzazione per una corretta educazione cinofila.
Più siamo incivili noi che abbiamo un cane, più sono incivili quelli a cui non va giù che al mondo ci siano essere talmente speciali e superiori da doversene fare una ragione! Alibi per colpire chi è più debole, chi non può risponderti, chi non ha voce…ma solo amore! FACCIAMO SCHIFO…DICIAMOCELO!
Ed allora raccogliete queste cacche altrimenti le MERDE sarete voi!!
cacca-del-cane
Il parco dove gioca mia figlia è pieno di cacche: ma i padroni dei cani proprio non ci pensano ai bambini?–Barbara

In un ventoso pomeriggio di fine agosto ho portato i bambini sul forte di Charlottenlund, un parco sul lungomare a nord di Copenaghen dove i cannoni arrugginiti sono ancora puntati verso l’antica nemica Svezia.

Mentre contemplavo il romantico panorama con mio figlio più piccolo dall’alto di una collinetta, lui ha infranto la magia del momento dichiarando: “Cacca!”. Erano i primi giorni senza pannolino e non sarei arrivato a un bagno in tempo: gli ho calato i pantaloni e gliel’ho fatta fare lì, a due passi dal cannone.

Dopo averlo pulito, siamo andati a prendere una bustina in macchina e, tornando indietro, ho notato un cane che correva sulla collinetta seguìto dal padrone. Arrivati in cima, la cacca di mio figlio non c’era più. Sparita. Mi sono guardato intorno e ho visto il padrone del cane che si allontanava con un sacchetto in mano: l’aveva raccolta lui, pensando che fosse del suo cane.

Stavo per gridargli: “Si fermi! Ha raccolto la cacca sbagliata!”, ma poi mi sono fermato. Perché a quel tizio scoprire di aver maneggiato le feci di mio figlio avrebbe fatto davvero schifo. Ma anche perché mi sono vergognato.

Ti racconto questo drammatico episodio per dimostrarti che a volte i padroni di cani sono perfino più civili di noi genitori. E quindi ti chiedo: sei proprio sicura che quelle cacche ai giardinetti siano tutte cacche di cane?

Questo articolo è stato pubblicato il 16 gennaio 2015 a pagina 10 di Internazionale, con il titolo “Genitori e padroni”. di Claudio Rossi Marcelli

app_cacca_cani-280x419 images images (1)

SUNDAY…PUPPY CLASS on SUNDAY. Special edition “CARNIVAL PARTY”

 

#PUPPYCLASS al Centro Cinofilo “il cane a norma”, edizione speciale per il “carnevale 2015”. Inizia la nuova serie di puppy class 2015 dove tutti i cuccioli proveranno a crescere e diventeranno grandi con l’auto di altri cuccioli:

Con noi il tuo cucciolo potrà imparare:

– la corretta gestione del cucciolo, sia in casa che all’esterno;
– educazione di base;
– socializzazione intraspecifica, ossia con gli altri cani (sia cuccioli che adulti);
– socializzazione interspecifica, con gli esseri umani;
– socializzazione ambientale attraverso percorsi di discriminazione tattile e la creazione di “set” appositi per far provare più esperienze possibili ai nostri cuccioli.
– la comunicazione del cucciolo: imparare a capire i segnali che ci manda.
– il miglioramento del rapporto cane/proprietario attraverso il gioco e la collaborazione.

Vieni a provarla con il tuo ‪#‎cucciolo‬!

1557564_10206247477170887_8260041520711919884_n

SUNDAY….FUNNY SUNDAY!

Buona domenica a voi tutti, con i vostri amici, al mare, in montagna, con la pallina  o con il bastone…con la treccia o insieme ad altri pelosi…in agility, o rally o disc dog, l’importante è che vi divertiate, insieme!

IL giorno di riposo dal lavoro è un giorno in cui poter stare con la famiglia, per potersi godere la natura, gli spazi aperti, si possono fare passeggiate, giocare con i bambini, si può dedicare tempo ai nostri hobby…quale miglior modo di farlo con i nostri amici a quattro zampe?…di poter dedicare una domenica alla famiglia al completo? una relazione bella ed equilibrata con il vostro peloso è fatta di scambi, di emozioni, di esperienze vissute insieme…di dialogo. Loro aspettano solo voi, un gesto, un sorriso…aspettano che voi prendiate il guinzaglio, le palline, i dischi, la treccia…per poter iniziare a scondinzolare freneticamente pronti per poter stare con noi! E quindi…

una BUONA DOMENICA divertente con il sorriso e con tanto amore da EDUCAMICANE! 

Ringraziamo http://www.f-orme.it per le foto fantastiche!

Linguacce e burro d’arachidi… la gioia dei cani alla moviola!

 

 

cliccate qui o sulla foto per vedere il video.

 

video burro di arachidi

“Non sono il tipo che funziona a comando”…voi lo siete?

Eppure molti proprietari di cani vorrebbero un cane”a comando”: siedi! salta! parla!…zitto! dormi! mangia! cammina! fermo! vai!…Non si reisce ancora a comprendere che il cane ha delle necessità e delle esigenze che sono peculiari del suo mondo fatto di odori, ormoni, sensazioni, percezione dei suoni, colori, socializzazione con altri cani, vita nel mondo degli umani.

IL cane non vive a comando di nessuno, ha una vita propria, prova emozioni, ha una sua percezione delle cose e soprattutto ha bisogno di una relazione forte ed equilibrata con il suo proprietario. Quello che facciamo noi educatori cinofili è proprio questo: fornire strumenti cognitivi e pratici per meglio comprendere le esigenze del cane e costruire una forte relazione  basata sulla comunicazione corretta con il proprio umano. Spesso si parla di “binomio” quando si è nell’ambito di competizioni sportive cinofile, ed il termine è esatto, è corretto nel suo uso.

Un binomio è un rapporto biunivoco fra il cane a il conduttore, nel caso delle attività sportive, ma anche nella vita quotidiana ci deve essere un canale di comunicazione fatto di rispetto e di regole condivise. In ogni binomio c’è un bisogno continuo di comprensione e di conoscenza reciproca  che va agevolato da una correta educazione cinofila, basata su metodi positivi e divertenti in cui il cane e il proprietario imparano dal gioco e dalla conoscenza più consapevole delle variabili quotidiane di vita insieme. LA cosa migliore e più proficua sarebbe quella di iniziare questo percorso quando i cani cono ancora molto piccoli, cuccioli, in una fase immediatamente successiva all’imprintig che il cucciolo ha ricevuto dalla madre. Nella fase del periodo sensibile che va dai 2 ai 4 mesi di vita c’è il momento di massimo apprendimento del cucciolo alle cose della vita, la socializzazione, la conoscenza delel reazioni e del rapporto con gli umani, tutte le esperienze che vengono fatte vivere al cane in quel periodo rappresentano gli strumenti con cui si formerà il carattere del cucciolo per renderlo un adulto equilibrato e sereno.

532947_844621092246878_8153290162215727468_n (1)

“Non è la fame, ma l’ignoranza che uccide”…svelato il retroscena del Cane con la valigia

E chiamiamolo lieto fine va…ma non sarà mai un lieto fine per l’umanità se continuiamo cosi. La domanda sorge spontanea…cosa mai insegnerà questa mamma ai figli? quello che dovrebbe fare un genitore è educare un figlio, cercare di proporgli una visione del mondo, la migliore, dare gli strumenti per farlo crescere nel mondo capace di essere autonomo e libero. Ecco, allora mi chiedo cosa mai ha insegnato questa storia alla piccola bambina che era con lei e al figlio che da casa aveva scoperto l’arcano che si celava dietro quei delinquenti che le hanno venduto questo povero animale?

Forse non ha davvero insegnamenti una mamma del genere, e premetto che non è un atto d’accusa alla genitorialità, ne alla procreazione…ci mancherebbe. Ma crediamo fermamente che ogni gesto ha una sua radice, ogni comportamento negativo, delinquenziale, bastardo, come nei confronti dei cani, abbia una genesi nel comportamento umano e nella difficoltà di diffondere una giusta cultura del rispetto e della sensibilità verso gli animali.

Molto spesso ci arrabbiamo e combattiamo giustamente per degli atti allucinanti che vengono perpetrati nei confronti dei nostri amici inseparabili, proviamo sdegno per un abbandono, per una violenza, facciamo manifestazioni cercando di curare la ferita, cercando di bloccare il “sangue”…bloccare il dilagare della cattiveria umana contro gli animali; ci dimentichiamo però che tutto ha una partenza, tutto ha un inizio, tutto ha una spiegazione.

E allora dovremmo andare alla radice, diffondendo una cultura del rispetto fin dalla giovane età, fin dalla prima scuola dell’infanzia. Chi fa l’educatore cinofilo ha una responsabilità non solo nei confronti di chi viene al centro cinofilo per educare il proprio cane ad essere bravo ed obbediente, a fare i bisogni fuori e a non sporcare in casa. Noi educatori cinofili abbiamo una determinante responsabilità di diffondere la giusta cultura cinofila, il giusto rispetto per gli animali. Dobbiamo censurare questi comportamenti cercando di andare a fondo, scavando nella mente di questi esseri per far uscire fuori tutta la stupidità che è permeata nella società moderna ed estinguere il grado di deficienza, inteso come incapacità di intendere, di una grande fetta della nostra umana società.

Non volevamo sicuramente dare addosso e rendere responsabile questa donna di tutta l’atrocità umana, ma cavolo, fra l’essere nel panico e trattare un cane come merce, quindi soddisfatti o rimborsati ce ne passa!! Per fortuna questo biondone a 4 zampe ora ha un futuro, avrà tempo speriamo per superare questa giornata e per sostituirla nella sua memoria con tanto amore e rispeto… ma chi adotterà quella famiglia, e quei delinquenti per rimetterli sulla giusta e diritta via?…noi NON MOLLIAMO e saremo sul pezzo SEMPRE!!

Svelato il retroscena del Cane con la valigia, il quattrozampe scozzese Kai lasciato legato alla ringhiera in una stazione scozzese con il trolley pieno di “sue cose ”.

retroscenacane abbandonato alla stazione con la valigia

In molti si sono arrabbiati e indignati di fronte all’immagine di Kai, l’esemplare di Shar-Pei abbandonato e legato alla ringhiera di una stazione scozzese legato con, vicino a lui, un trolley pieno di “cose sue”. Ora è uscita la verità e di certo non calmerà gli animi: Kai è stato abbandonato per una vendita non andata a buon fine.
cane abbandonato alla stazione con la valigia

A raccontarlo al Daily Record è la 39enne Fin Rayner, acquirente mancata del quattrozampe : «Sono andata per comprare un cane, ma quel cane non era uguale alla foto della pubblicità». La signora Rayner, infatti, aveva risposto a un annuncio online e si era recata, accompagnata dalla figlia di 9 anni, alla stazione di Ayr disposta a sborsare 400 sterline (circa 512 euro). Ma al suo arrivo sul posto il cane, il cui vero nome è Pluto, non era come quello della foto sul web.

La Rayner ha comunque chiesto al ragazzo di poter portare a passeggio Pluto, per “provarne” il comportamento. «Gli ho detto che volevo prendere il cane per fargli fare una passeggiata – racconta la donna -. E lui mi ha chiesto una cauzione di 150 sterline (circa 192 euro) nel caso non fossi tornata indietro. Poi l’ho visto che scappava in auto. L’ho chiamato e gli ho detto: “E’ meglio che torni per il tuo cane”. Ma non è mai tornato».

Presa dal panico, un problema caratteriale di cui soffre, e con la figlia soggetta ad attacchi di asma, la donna ha chiamato il figlio e ha scoperto la verità: «Pensavo di portare a casa il cane, ma mio figlio mi ha detto che la foto del cane nell’annuncio era di un film statunitense del 2005. Così ho parlato con un addetto della stazione dicendogli che quel cane era di qualcun altro e ce l’avrei lasciato lì. E così ho fatto. Mi sono accertata che il cane fosse al sicuro. Quel ragazzo mi ha mentito sul cane. Che cosa devo dire di quello che abbiamo passato io e mia figlia? Sono rimasta scossa per diversi giorni».

Una storia che è al limite dell’incredibile, ma che probabilmente si concluderà in maniera positiva: per Pluto sono stati già raccolti online oltre 2500 sterline (circa 3200 euro) per curarlo perché ha un problema agli occhi e c’è un lungo elenco di persone disponibili ad adottarlo, con la speranza che siano in grado di fargli dimenticare quella giornata da incubo.

fonte: la stampa, gloozoo.

Tagliatevi le palle…se le trovate.

Una voce forte e chiara, una voce di denuncia! finalmente qualcuno esce allo scoperto, qualche illuminato medico veterinario che finalmente dice le cose come stanno e rispetta la legge, moralmente ed etologicamente. Certo ora non si può pretendere che in Italia, dopo che è stata promulgata una legge, venga rispettata. Non sia mai! ma di sicuro la cultura sta cambiando, la cultura cinofila e rispettosa dei diritti degli animali sta crescendo , si sta diffondendo.

Molta molta strada c’è ancora da fare, ma se la iniziamo a pensare tutti come il consiglio dell’ordine dei medici veterinari di Milano, forse qualcuno si ricrede e facciamo del bene. Noi di educamicane nel nostro piccolo lo facciamo, denunciando sempre le mutilazioni sui cani, di qualsiasi tipo e genere, senza se e senza ma! diffondete questa cultura e avrete un cane più sereno, che comunica con i propri simili in modo equilibrato e corretto…anzi, avrete un peloso che comunica!

Ma poi ci chiediamo: perchè?…cosa spinge a fare questo ad un individuo verso cui riponiamo aspirazioni, amore, emozioni, affetto…cosa?  non ci sono risposte intelligenti nè giustificazioni da dare a queste domande, non si devono trovare scuse!

Chi fa educazione cinofila lo fa anche in questi contesti, anche su questi argomenti, discussi e dibattuti, ma soprattutto lo fa nel rispetto della legge che vieta le mutilazioni ai cani.

Chi non lo fa è FUORI LEGGE, chi accetta queste violenze è complice, NIENTE SCUSE, e citando una canzone di De Andrè…”anche se voi vi credete assolti siete lo stesso coinvolti“!

————————————————————————————————————-

Ancora una volta domenica 11 gennaio 2015 abbiamo assistito alla premiazione nel ring d’onore dell’Esposizione Internazionale canina di Novegro di cani che hanno subito l’amputazione del padiglione auricolare, intervento chirurgico eseguibile solo per gravi problemi di salute certificati da un medico veterinario o altrimenti vietato in Italia dalla legge 201 del 2010 (“Ratifica ed esecuzione della convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia fatta a Strasburgo il 13.11.1987, nonché norme di adeguamento dell’ordinamento interno”) e dall’Ordinanza Ministeriale contingibile e urgente concernente la tutela dell’incolumità pubblica dall’aggressione di cani.

Ci sembra statisticamente alquanto improbabile che solo all’interno di alcune razze (Dogo Argentino, Cane Corso, American Staffordshire Terrier) si sia potuto vedere nei ring un’alta percentuale di soggetti che hanno subito l’amputazione del padiglione auricolare in seguito a gravi traumatismi o gravi patologie che abbiano interessato, guarda caso, entrambe le orecchie.

L’Ordine dei Medici Veterinari di Milano esprime il proprio sdegno per la persistente “amnesia” legislativa e bioetica che sembra interessare il mondo della cinofilia italiana e condanna i medici veterinari che favoriscono gli allevatori e i giudici interessati a standard estetici antiquati e indifferenti al benessere degli animali.

Il Consiglio dell’Ordine dei Medici Veterinari di Milano

Ed ecco qui “The MULTI-PURPOSE HUMAN”

10922461_765023190240554_7258180300438467883_n

#PetResolutions

PET RESOLUTIONS è una grande e bella iniziativa di Victoria Stiwell per il 2015, che noi riprendiamo e rilanciamo!

I migliori propositi per il tuo cane, un messaggio che virtualmente lui manda a te, per prometterti di essere migliore nel 2015…nei tuoi confronti e per essere lui migliore nel  vostro rapporto in casa e con gli altri.

Ma tu cosa fa i per lui?…hai provato a metterti in discussione? fai del tuo meglio per poter soddisfare le sue esigenze, del tuo fedele amico? Hai mai fatto un vero esame di coscienza nei suoi confronti? osservalo in silenzio e guardalo con il cuore, lasciati trasportare da lui e vedrai che il nuovo anno sarà davvero un anno migliore, imparerete tanto insieme, e sarete più felici!

Recupera un pò del tuo tempo, non serve tanto, bastano anche solo 5 minuti in più al giorno per pensare a lui, per uscire con lui, per giocare con lui, per guardarlo mentre gioca, per capire e comprendere le sue richieste… non ti chiede altro.

In questo modo potrete superare le cattive abitudini, una paura o una fobia, inventare insieme nuovi giochi, costruirete un altro modo di vivere insieme nel nuovo anno…magari solamente lasciando andare le cose come naturalmente devono andare…INSIEME!